13
luglio

ANTLO Puglia: ha preso vita il nuovo gruppo dirigente

Ogni movimento tellurico, ogni smottamento d'idee sono genesi diretta della sofferenza dell'animo umano, che lasciando fluire le emozioni, delinea ciò di cui un Uomo, non un servo, ha bisogno (cit.)

Di questo si è trattato, e sarebbe fuori dal mondo pensare che una associazione come ANTLO il cui principio di democrazia è alla base della sua esistenza, possa essere immune da eventi di questo tipo.

E sarebbe anche intellettualmente disonesto, far finta che nulla sia accaduto, per rispetto di chi, vivendo questo periodo, ha provato un forte senso di smarrimento

E si, perché di questo si tratta, per una buona parte del comparto dentale, ANTLO costituisce nel bene (per molti) e nel male (per pochi), un grande punto di riferimento, e la consapevolezza di trovarsi di fronte a un momento di difficoltà è destabilizzante.

Ma si sa, tutti i movimenti di questo tipo possono, prima o poi, essere attraversati da una forte liberazione di energia che può provocare smottamenti, seguiti da una fase di assestamento direttamente dipendente dalla prima, dalla presa di coscienza di ciò che è accaduto o, se vogliamo, dalla conta dei danni e da un momento di riflessione necessario alla ripartenza.

Dopodiché ci si guarda negli occhi e si decide: ok, rimbocchiamoci le maniche e ripartiamo!

E ieri sera questo è accaduto quando riunitasi l'assemblea dei soci, ha preso vita il nuovo gruppo dirigente ANTLO Puglia.

L'idea è stata di un direttivo snello, con due obbiettivi principali: il rilancio di attività che sempre hanno caratterizzato la vita di questa associazione, ovvero un connubio tra attività di approfondimento tecnico-scientifico, e attività di carattere politico-sindacale.

Il giusto equilibrio consente di poter offrire quanto di meglio lo stato dell'arte e le conoscenze in campo scientifico consentono allo stato attuale, senza pensare che le nostre attività siano fuori da un conteso paese fatto anche di una serie di adempimenti, che non di rado si trasformano in opportunità di crescita sul mercato.

E così si è dato vita ad un consiglio direttivo composto da: Vito Palmiotti presidente; Daniele de Bellis vicepresidente, entrambi con funzioni di promotori delle iniziative in ambito politico-sindacale e dei servizi e da una macro segreteria composta da Pasquale Lacasella, Vincenzo de Feo, Carlo Manco e Luigi Secondo ai quali è affidata la programmazione delle iniziative culturali sul territorio pugliese.

"Si è preferito un direttivo composto da un numero limitato di persone, snello appunto, funzionale alle esigenze del momento, che richiede decisioni rapide e oculate allo stesso tempo, tese a rilanciare subito l'attività del territoriale, a partire dal prossimo autunno", ha subito dichiarato il neo Presidente Regionale Vito Palmiotti, "infatti sono già allo studio eventi da tenersi sul territorio in ambito culturale, senza dimenticare che è stato da poco emanato il nuovo Regolamento Europeo sui dispositivi medici, il quale merita un approfondimento teso a formare ed informare tutti i soggetti interessati con un adeguato percorso di accompagnamento che ci faccia trovare pronti a questa ulteriore prova di maturità."

"Ovviamente l'apertura a qualsiasi tipo di collaborazione funzionale a questo tipo di attività, è non solo auspicabile ma auspicata" continua Palmiotti, "pertanto aspettiamo la disponibilità di quanti vorranno collaborare al rilancio di questo progetto appena ripartito. Anzi, chi può ci aiuti, ne trarremo tutti quanti degli innegabili benefici. Ai nuovi compagni d'avventura auguro di poter essere fieri di quanto avremo potuto fare e se qualcuno avesse piacere ad augurarci un Grande in bocca al lupo, sappia che non ci offendiamo."

le aziende comunicano

editoria

area soci

Registrati
Hai dimenticato la password? Reimpostala